Aipec a Ischia un nuovo modo di fare impresa conta la felicità

Ischia è stata scelta per il convegno regionale dal 4 al 6 novembre 2016

Dal 4 al 6 novembre si è tenuto a Ischia il convegno regionale dell’Aipec, associazione degli imprenditori per un’economia di comunione. A.I.P.E.C. è un’associazione di imprenditori, professionisti, aziende che intendono porre come valore aggiunto del proprio modo di lavorare nel mercato nazionale e internazionale, la cultura del dare.
Il convegno è iniziato con una conferenza stampa al Torrione, simbolo del comune turrita, che ha visto partecipare molti giornalisti e post conferenza l’Aipec ha incontrato una delegazione di giovanissimi dell’Istituto Mennella e la dirigente dell’Istituto, Giuseppina Di Guida.
Durante la conferenza stampa, è stata presentata l’associazione e le sue attività attraverso le parole e le esperienze del direttivo presente Livio Bertola (presidente), Ornella Seca (vicepresidente) ed Enrica Bruneri (direttivo). L’impatto dell’esperienze raccontate sui giornalisti presenti è fortissima, a tal punto che molti fanno domande, interviste più lunghe e addirittura colloqui.
Livio, Ornella ed Enrica presentano il mondo Aipec attraverso le loro aziende, quindi non teorie ma esperienze pratiche della vita di ogni giorno. Ornella racconta che un paio di anni fa per evitare il licenziamento di due persone, dopo aver comunicato le difficoltà della sua azienda ai dipendenti, i dipendenti stessi si propongono di diminuire le loro ore di lavoro per permettere a tutti di rimanere in azienda. Livio racconta delle sue esperienze con i senegalesi che arrivano in azienda e diventano parte della sua famiglia.
Dopo la conferenza, il clima creato anche con la delegazione degli studenti del Mennella è così bello che nessuno vuol andar via! Insomma un bel successo. La conferenza si conclude con un aperitivo al Bar Maria.
Il 5 novembre è il giorno più importante del convegno ai Giardini Ravino dalle 9.30 alle 12.
“Aipec, un nuovo modo di fare impresa. Conta la felicità!” è il tema del convegno e viene presentato da Ornella Seca e Livio Bertola. Oltre alle loro personali esperienze, il racconto viene accompagnato da foto e da video, in particolare di Rai News24 e un video tratto da Storie, il noto programma di Rai 2 che supporta l’importanza del tema.
Enrica Bruneri presenta il progetto di Economia di Comunione che nel 2016 compie 25 anni e introduce un video dell’associazione degli imprenditori brasiliani, convenzionata con Aipec. L’Economia di Comunione è un progetto internazionale al quale partecipano centinaia di aziende, non è un’utopia o una filosofia e un modo concreto di vivere l’azienda. Per capire meglio l’economia di comunione, consigliamo di seguire il sito internet http://www.edc-online.org/it/
Subito dopo la presentazione dell’economia di comunione c’è la presentazione della Sec, Scuola di Economia Civile con il seguente tema: “Educare l’impresa al Valore della Felicità Pubblica”. A telefono c’è Silvia Vacca, presidente della Sec che ci racconta quanto è importante la formazione per chi vuole sostenere l’economia civile e di comunione.
Dopo la formazione c’è stata l’esperienza di chi sul territorio ha cercato di agire in tal senso. Quindi sono intervenute Francesca Annunziata della Destination Tourism con la sua esperienza per la legalità nel combattere gli abusivi nel mondo dei viaggi e Luisa Pilato con il Progetto Policoro e la Cooperativa Arkè.
Il convegno è stato non solo formativo ma anche l’opportunità di costruire relazioni importanti per realizzare concretamente un progetto di Economia di Comunione a Ischia. Circa cinquanta persone presenti appartenenti a diversi ambienti e categorie dell’isola.
Il convegno si è concluso il 6 novembre a Napoli con l’incontro di altre associazione del territorio campano.
Il convegno è stato solo un inizio e ci saranno altri appuntamenti dedicati all’economia di comunione e alla formazione.
Per maggiori info, vai su ww.aipec.it oppure contattare la delegata regionale di Aipec, Francesca Annunziata cell. 3200505904 oppure mail campania@aipec.it 

 

AIPEC - A chi si rivolge

A.I.P.E.C. è prevalentemente rivolta a imprenditori, aziende, professionisti, commercianti ed anche ad associazioni, cooperative, consorzi.
Prezioso, tuttavia, sarà il sostegno che, in qualità di soci sostenitori, potranno fornire studenti, lavoratori dipendenti, pensionati e disoccupati, che, come soci sostenitori, possono fornire il proprio contributo specifico alla crescita dell’Associazione, delle aziende e dell’Economia di Comunione

 

Obiettivi

Tra gli obiettivi principali che A.I.P.E.C. intende perseguire:

  • Conoscenza approfondita delle aziende e professionalità che fanno parte dell’Associazione, per condividere con esse l’organizzazione, i progetti, le ambizioni, le idee, le esigenze, le difficoltà. Ciò consentirà il sorgere di connessioni tra aziende che condividono i medesimi principi etici, la Comunione tra le aziende. 
  • Formazione di uomini e aziende “nuove” che, sperimentando la ricchezza ottenuta da una reale e concreta applicazione della “cultura del dare”, vogliano sempre più approfondire tecniche e strategie per una crescita ed un miglioramento costanti. 
  • Contribuire a dar vita a imprese sane e votate al bene comune che sentano come propria la missione di sradicare la miseria e l’ingiustizia sociale, per contribuire ad edificare un sistema economico e una società umana di comunione.

 

La Comunione

Comunione è la parola chiave! L’obiettivo è quello di condividere non soltanto le proprie capacità e la propria esperienza, ma anche le proprie idee, progetti.
L’invito è a non cercare di capire come questa Associazione possa essere d’aiuto nel risolvere i problemi di ciascuno, bensì a pensare a cosa può fare ciascuno per risolvere i problemi degli altri, anche solo in termini di contributi di idee.
Mettere, quindi, al servizio di tutti gli associati il proprio talento, le proprie esperienze e le proprie idee, unite alle peculiarità tipiche di noi imprenditori: la fantasia nella ricerca e l’ideazione di nuove idee, la concretezza del trovare il modo di realizzarle e la prontezza del farlo subito, senza rimandare a un domani!.

 

 

Richiesta informazione

Per inoltrare una richiesta di prenotazione, chiamateci allo 081998221. Oppure inoltre una email, compilando il seguente modulo e ti risponderemo entro 24 ore